L'Invenzione
SuperEnalotto, una storia italiana lunga oltre 20 anni.

Il SuperEnalotto è il gioco che da più di 20 anni accompagna i sogni e i desideri degli italiani: è il 3 dicembre 1997 quando, con la prima sestina estratta, il Paese scopre il Jackpot e la possibilità di realizzare i sogni più grandi. 

 


All'orizzonte c'è il nuovo millennio che stimola il desiderio di novità e cambiamenti, un sentimento di ottimismo che Sisal interpreta offrendo agli italiani un gioco semplice e accessibile a tutti.
L'anno prima Rodolfo Molo, figlio di Geo Molo fondatore di Sisal insieme a Massimo Della Pergola e Fabio Jegher, decide di partecipare alla gara per la concessione dell'Enalotto, con l’idea di proporre una versione innovativa del gioco. 


Rodolfo Molo e il team di Sisal lavorano per un anno intero attingendo al dna innovativo dell'azienda per trovare la formula del SuperEnalotto. Due sono le grandi novità che contraddistinguono il gioco e ne decretano il successo immediato: al posto dell'1X2 ora ci sono 6 numeri da scegliere tra 90,  e poi c'è il Jackpot, una assoluta primizia per l'Italia. Il montepremi del 6 infatti, se nessuno si aggiudica la sestina vincente, cresce di concorso in concorso. Questo meccanismo innovativo per i giochi numerici a totalizzatore nazionale porterà ben presto il nostro Paese a gareggiare con lotterie internazionali del calibro di  Powerball e Megamillions. Spesso infatti il SuperEnalotto mette in palio il Jackpot più alto al mondo e tutti possono sognare la vincita che può cambiare la loro esistenza.

In brevissimo tempo il SuperEnalotto si afferma come fenomeno di costume e un appuntamento fisso per tutti gli italiani: l’esclamazione "Ah, se vincessi al SuperEnalotto!" diventa il modo di dire che interpreta il sogno di dare una svolta alla propria vita e le vincite assumono una dimensione popolare. A soli due mesi dalla prima estrazione, il 17 gennaio del 1998, a Poncarale in provincia di Brescia, si registra il primo "6" da 11.807.025.000 di lire. L'attenzione è alta: nei salotti mediatici, da Porta a Porta al Maurizio Costanzo Show, matematici, sociologi e psicologi non parlano che del SuperEnalotto, il nuovo gioco che appassiona il Paese. La fortuna, diventata protagonista dell'attualità, accompagna l'Italia nel XXI secolo baciando lungo tutto lo stivale piccoli centri e grandi città, singoli giocatori e maxi sistemi, uomini e donne, coinvolgendo anche attori e registi, che si prestano a impersonificarne i tratti e ad inventare storie di grandi vincite (ad esempio “Il Grande Botto” del 2000, “Baciato dalla fortuna” del 2011).
 


Il grande riscontro di pubblico induce Sisal a introdurre alcune novità al gioco al fine di aumentarne tanto le probabilità di vincita quanto il valore del Jackpot. Da giugno 2005 le estrazioni del SuperEnalotto da due diventano tre a settimana, e si può giocare il martedì, il giovedì e il sabato. Contestualmente si modifica il 5+1, la cui quota di montepremi, da questo momento, confluisce, insieme alla quota del 6 non assegnato, al Jackpot del concorso successivo. Nel marzo del 2006 viene introdotto anche il numero SuperStar che, se centrato, moltiplica i premi del SuperEnalotto e consente di vincere anche se non si indovina nessun numero della sestina estratta. Nel dicembre del 2008 sono gli abitanti di Rossano Stazione, in provincia di Cosenza, a festeggiare la prima vincita del 6 con SuperStar (6 Stella), aggiudicandosi il Jackpot da oltre 45 milioni di euro più il SuperBonus da 2 milioni per aver centrato anche il SuperStar.


Il SuperEnalotto è ormai patrimonio nazionalpopolare e nel 2009, con la nuova concessione, diventa anche indipendente delle ruote del Lotto. L'estrazione autonoma viene organizzata presso la sede di Piazza Mastai dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a Roma.
 
 
La sempre attuale massima di Rodolfo Molo ispira l’invenzione di altri giochi a totalizzatore nazionale come Win for Life, SiVinceTutto, Eurojackpot e VinciCasa. È però il 2016 l'anno della nuova grande svolta. Dopo 18 anni Sisal modifica il gioco più amato dagli italiani, lanciando una nuova versione del SuperEnalotto, con un jackpot ancora più ricco e con maggiori possibilità di vincita: ora si vince anche con il 2 e con premi istantanei da 25 euro.

Sono molte le storie e le curiosità legate agli oltre 20 anni di vita del SuperEnalotto, a cominciare da quelle legate al momento dell'estrazione della sestina vincente di cui parleremo nel prossimo articolo.

 

 

ARCHIVIO STORICO CINEMA D'IMPRESA
Come capita per i biscotti, anche di giochi bisogna inventarne sempre di nuovi
Gruppo
Il progetto Meic
Il progetto Meic, acronimo di memoria, evoluzione e identità condivisa, ha portato alla creazione del nostro Archivio storico, associato di Museimpresa, che accoglie oggi gran parte dell’heritage aziendale.
Alla corte del Re - Il tesoriere (2000)
In questo video, il re si ritrova a che fare con il tesoriere di corte.
"Dea Bendata" con Nancy Brilli (1996), making of.
I divertenti retroscena che vedono come protagonista un’impiegata Sisal d’eccezione: Nancy Brilli nei panni della Dea Bendata.